Produzione seriale di bombe

Tra i vari generi di musica elettronica la jungle è uno di quelli con l’identità più dettagliatamente codificata non solo a livello musicale, ma anche culturale. L’amen break come cellula musicale immortale, i pattern percussivi inesauribili, la condivisione dei sound system, i party fuori dalle strutture organizzate e commerciali, i mix infiniti, il carisma degli MC, l’apprezzamento dei filosofi di sinistra inglesi, uno spettro espressivo che va dalla cattiveria serrata alla presabbene da fattanza. E ovviamente molto altro. Se riconoscete questi tratti somatici come le fattezze della vostra musica del cuore, probabilmente avete già assistito all’affermarsi di Tim Reaper come uno dei nomi più solidi della scena e saprete quindi che Hardcore & Rubble è una bomba senza neanche bisogno di ascoltarlo; ma sarebbe un peccato non farlo. Se invece vi state addentrando ora in questo mondo, sappiate che è da almeno sei anni che Reaper dissemina jungle al ritmo assurdamente prolifico di una pubblicazione ogni due mesi, mantenendo in questa progressione una consistenza nella produzione da vero fuoriclasse. Potrebbe quindi presto diventare il migliore amico dei vostri ascolti, notturni e non. Se invece vivete nella totale estraneità, 1. spero che siate comunque felici e 2. perché non dovreste dare una possibilità a un disco che mette insieme ritmi a rotta di collo e sample azzeccatissimi (Outer Realms), che armonizza bassi ragga con synth cosmici (Heavy Duty), che riesce a trasferire lo spirito della digital dancehall su ritmi spezzati (Agony Tonight), che sa rendere un pezzo serrato e scuro ma allo stesso tempo clamorosamente ballabile (Bulletproof)? Lo stile di Tim Reaper è l’esempio perfetto di come si fa a rendere moderno un suono storicizzato, con la tradizione omaggiata nel momento in cui viene fortemente radicata nel presente; così si fa germogliare un nuovo standard di inventiva e creatività che darà linfa alla scena negli anni a venire. Per il resto, se cercate rivoluzioni avete sbagliato disco; ma ne avete trovato uno con degli ottimi pezzi per farle partire.

Tim Reaper – Hardcore & Rubble (Sneaker Social Club, 2022)
Condividi questo articolo:
Roberto Perissinotto
Roberto Perissinotto